• Home
  • News
  • 1-4 settembre: tornano gli spazzacamini in Val Vigezzo!

1-4 settembre: tornano gli spazzacamini in Val Vigezzo!

A Santa Maria Maggiore, cuore pulsante della splendida Val Vigezzo, dall'1 al 4 settembre, ritorna il Raduno Internazionale dello Spazzacamino, giunto alla sua 36^ edizione.

Il Raduno Internazionale degli Spazzacamino è una delle più conosciute e particolari manifestazioni del Nord Italia: un vero e proprio tributo alla culla di questo mestiere, oggi forse meno diffuso ma importantissimo nei secoli scorsi.

Raduno Internazionale degli Spazzacamino a Santa Maria Maggiore in Val Vigezzo

Nell'edizione 2016 sono state circa trentamila le persone che sono salite a Santa Maria Maggiore, per assistere all'evento: un record assoluto di presenze, con 1224 tra uomini, donne e bambini in sfilata, che sommati ai gruppi folcloristici e alle bande, ha sfiorato i 1500 figuranti.

Il raduno è organizzato dall'Associazione Nazionale Spazzacamini con la collaborazione del Comune di Santa Maria Maggiore e della Pro Loco.

Realizzata con il supporto e il patrocinio dell'Assessorato alla Cultura della Regione Piemonte, del Museo Regionale dell'emigrazione vigezzina nel mondo, del Consiglio Regionale del Piemonte, di Confartigianato Novara e VCO e della Provincia del Verbano-Cusio-Ossola. Il Raduno Internazionale dello Spazzacamino, oltre a rievocare le storie sull'antico e particolare mestiere, rappresenta anche un consolidato evento turistico per il Piemonte che negli anni ha dato un buon impulso alla valle, fungendo da volano per altre attività e a far conoscere ed apprezzare il territorio anche molto lontano come negli Stati Uniti, Giappone e Russia.

Russia che per la prima volta sarà presente ufficialmente con dei suoi rappresentati a questa edizione del Raduno degli spazzacamini.

La Val Vigezzo era già denominata nelle carte geografiche del 1500 come la Valle degli Spazzacamini e da lì generazioni di emigranti spazzacamini partirono lungo i sentieri che portavano verso Francia, Germania, Austria, Olanda e anche in Inghilterra.

Un modo per ricordare non solo solo un mestiere antico e che si è perso nel tempo, ma è anche un omaggio a generazioni di vigezzini (e non solo), che nei secoli sono andati incontro a grandi sacrifici e anche pericoli, per potere guadagnare da vivere. Sacrifici compiuti, da chi di questo ne faceva una vera e propria attività, in paesi lontani. Ma in maniera maggiore proprio dai più piccoli, dai più giovani, “i rüsca” che erano i più ricercati e più “adatti” a questo tipo di lavoro, per la loro agilità e capacità di potere entrare nei camini, in attesa del ritorno a casa in primavera, per andare a lavorare poi nei campi o negli alpeggi.

Raduno Internazionale degli Spazzacamino a Santa Maria Maggiore in Val Vigezzo

Anche quest'anno i professionisti dei camini arriveranno da tutta Italia, oltre che da Svizzera, Germania, Austria, Francia, Belgio, Olanda, Danimarca, Svezia, Norvegia, Finlandia, Lituania, Lettonia, Estonia, Romania, Inghilterra, Scozia, USA, Giappone e come detto per la prima volta anche dalla Russia. E saranno più di 1.000 gli spazzacamini che parteciperanno al grande evento, per una fiumana nera che affascina chi decide di trascorrere in questa valle un fine settimana dedicato alla riscoperta di un mondo perduto.

Da vedere a Santa Maria Maggiore è anche il Museo dello Spazzacamino, situato proprio in centro, nel verde parco di Villa Antonia. Unico in Italia dedicato a questo mestiere, fra tradizioni, storie autentiche e drammatiche, colori e profumi di un tempo, con un pizzico di magia e divertimento. E’ un edificio a due piani, dove oltre alle varie attrezzature, si possono ammirare i doni che gli spazzacamini portano da tutto il mondo in occasione dell’annuale raduno internazionale. Comignoli in terracotta di varie fogge e misure, stufe d’epoca, vetrate e insegne di vecchie botteghe aperte dagli spazzacamini nel mondo. Inoltre per il visitatore la possibilità di entrare in una canna fumaria orizzontale, ascoltare il rumore del riccio e della raspa, rivivendo così l’esperienza dei "rüsca".

Santa Maria Maggiore si identifica fortemente con gli uomini della fuliggine, al punto che sui tetti delle case, compaiono delle riproduzioni, spesso in ferro battuto, degli spazzacamini, dando così un ulteriore tocco artistico e di poesia alla cittadina.

Il "Raduno degli Spazzacamini", prenderà il via Venerdì 1 settembre, nel Parco di Villa Antonia di Santa Maria Maggiore, si terranno la serata inaugurale con il benvenuto agli spazzacamini e il concerto della Dream Emporium Band, mentre per tutto il borgo si terrà la Notte nera, che inizierà alle ore 18.30 e per sette ore proporrà varie postazioni di musica live, botteghe alpine aperte tutta la notte e degustazioni tipiche in tutto il paese, dei prodotti tipici vigezzini: gli stinchett (sottili sfoglie cotte su una piastra di ferro rovente, imburrate e salate), salumi come mortadella di fegato e prosciutto crudo affumicato, il pane nero di Coimo e per finire, tra i dolci, la torta di pane e la fiascia (una sorta di frolla con grappa).

Alle 23.30 il centro di Santa Maria Maggiore verrà illuminato dai fuochi pirotecnici del grande spettacolo visibile dalla centralissima Piazza Risorgimento.

Sabato 2 settembre ci sarà il tradizionale omaggio floreale al Monumento dello Spazzacamino di Malesco, cui prenderanno parte molti spazzacamini accompagnati dai piccoli rüsca e dalle 20 una serata a sorpresa nel centro di Santa Maria Maggiore a cura della locale Pro Loco, un punto di ristoro accanto alla sede del Museo dello Spazzacamino, e musica dal vivo fino a tarda notte.

Domenica 3 settembre, dalle 10 è prevista la sfilata, tra le vie e piazze di Santa Maria Maggiore, di centinaia di spazzacamini con i loro attrezzi da lavoro, accompagnati da gruppi folcloristi e numerose bande musicali.

Successivamente si terrà la rievocazione storica della pulitura dei camini con l’utilizzo degli attrezzi che lo spazzacamino, la raspa, una spatola di ferro col manico a uncino da appendere alla cintura dei pantaloni, il riccio, insieme di lamelle a raggiera ricavate dalle molle di sveglie e orologi da campanile; la squareta, bastone allungabile dove si agganciava il riccio; il brischetin, cioè lo scopino, una lunga fune, dei pesi e il sach, cioè il sacco per riporvi la fuliggine. Dalle 16 è previsto il concerto dell’Orchestra GMO nel Parco di Villa Antonia, con anche un momento d’incontro tra le delegazioni di spazzacamini con interviste, premiazioni e ricordi di quest’antico mestiere.

Lunedì 4 settembre gli spazzacamini si trasferiranno a Domodossola, per far conoscere le bellezze naturali e i centri più affascinanti del territorio agli spazzacamini italiani e stranieri, con una sfilata accompagnata da gruppi folkloristici locali lungo le vie del centro storico di Domodossola, da Piazza Matteotti a Piazza Mercato dalle 18.15.

Informazioni e dettagli del programma sono disponibili su http://www.santamariamaggiore.info  e sul relativo Profilo Facebook

 

Scritto da: Paola Montonati

Condividi Esplora il Lago Maggiore con i tuoi amici

Ci aiuterai a far scoprire anche a loro questo posto fantastico e, per questo, te ne saremo grati! :)

Con il patrocinio di

Comune di Laveno-Mombello Comune di Leggiuno

Trova Hotel  -  Trova B&B  -  Trova Campeggi

Informativa privacy  |  info@esplora-il-lago-maggiore.it

© 2016 - 2017 Esplora il Lago Maggiore  -  il Lago Maggiore come non lo avete mai visto